Diario12

Il Diario di mercoledì 20 maggio

-Dati positivi sul fronte coronavirus in Ticino. L'andamento dell'epidemia fa ben sperare: ma cosa dobbiamo aspettarci nelle prossime settimane? E a che punto siamo con la ricerca di cure e vaccini? Tra poco, l'intervista a Christian Garzoni

-La crisi e l’instabilità in Europa preoccupano la Svizzera. La BNS è al lavoro per contenere l'apprezzamento del franco mentre si guarda al piano da 500 miliardi proposto da Merkel e Macron per risollevare le sorti dell'unione.

-Tagli meno drastici del previsto alla Mikron di Agno. Si punta ad una razionalizzazione dei servizi e ad una minor percentuale lavorativa per salvare gli impieghi

-Un sito internet che aggreghi tutta la cultura digitale, è la proposta della Città di Lugano in risposta alla pandemia di coronavirus. L'obiettivo? Trovare conforto nell'arte in un periodo complicato


Il Diario di martedì 19 maggio

-Nonostante appelli e aspettative, l'Ascensione non fa decollare il turismo nostrano. Alla vigilia del ponte, occupazione sotto il 50%. Novità: Lugano spopola tra i romandi.

-Parità dopo la pandemia. Per una ripresa post emergenza sanitaria inclusiva sarà fondamentale l'integrazione, nel gruppo operativo cantonale, di profili e competenze femminili.

-Calcio. A sorpresa da giugno in Svizzera potrebbe ripartire il campionato. Probabile - secondo Angelo Renzetti – che oltre Gottardo non sentono il problema Covid come in Ticino


Il Diario di lunedì 18 maggio

-Una donna uccisa ogni due settimane in Svizzera. I numeri del femminicidio portano a riflettere anche alla luce dei gravi fatti di Giubiasco. Imprescindibile l'attenzione alle parole per non rischiare di colpevolizzare le vittime.

-Coronavirus. In Ticino i dati sono confortanti ma è troppo presto per cantare vittoria. Tra poco l'intervista al medico Cantonale Giorgio Merlani.

-Al pub seduti al tavolo e a gruppi da quattro. Positivo il primo bilancio della riapertura. Nel Diario un giro tra di voci tra gli esercenti

Il Diario di lunedì 4 maggio

-Fine della finestra di crisi, il Ticino si allinea con Berna. Via libera a industrie, cantieri e alberghi. "Siamo zoppi" avverte però Hotelleriesuisse.

-Oltre 55 miliardi di franchi. Gli aiuti immediati concessi dal Consiglio federale in tempo di pandemia da oggi al vaglio delle Camere federali.

-Si appiattisce la curva dei contagi in Ticino. Nelle ultime 24 ore registrati 3 nuovi casi e 2 decessi. Mai cosi pochi da marzo.

-La parziale riapertura dei valichi minori non risolve il problema delle code. Frontalieri ancora bloccati in entrata. RE la questione approda sui banchi del Consiglio federale.

-Visite ai congiunti, manifattura, costruzioni, sport e ristorazione d'asporto. Da oggi parte la fase2 in Italia. Nel Diario ne discutiamo con un'esperta.


Il Diario di lunedì 24 febbraio

Coronavirus. In Italia aumentano contagiati e morti. Il Ticino politico deciderà cosa fare nel pomeriggio. La Schindler invece manda a casa i collaboratori.

Il virus cinese colpisce anche le borse e l'economia mondiali. Niente panico però. È prevista una frenata, ma nessun crollo catastrofico

Le altre notizie. 4 arresti per truffa alle assicurazioni. A Lugano invece stasera sbarcano le stelle Michelin.