MATTEO BELLINI

La scheda
Matteo Bellini
Nome: Matteo Bellini
In poche parole...
Sono nato a Sorengo il 16 febbraio 1984. Ho vissuto oltre 30 anni a Chiasso, prima di trasferirmi a Giubiasco. Amo lo sport, il cinema e la musica. Adoro leggere, soprattutto romanzi d'avventura o polizieschi. Dopo il liceo ho studiato giurisprudenza, ma nel 2006 ho scoperto la mia vera aspirazione: lavorare nel campo del giornalismo. Negli anni ho avuto modo di collaborare con alcune testate televisivie/radiofoniche. Nel 2010 ho ideato e condotto un programma dedicato al Rock andato in onda per una stagione sulla webradio Gwendalyn. Dopo alcuni stage, Radio3i ha deciso di puntare su di me e nel 2011 ho iniziato il praticantato a Melide. Nel 2013 la conferma. In questi anni mi sono dedicato prevalentemente all'informazione. Ma ho avuto modo di fare anche esperienze diverse, con programmi sportivi o musicali.
I miei ultimi post

Presidenziali USA: l'incertezza dei risultati rischia di avere conseguenze pesanti

I due candidati alla Casa Bianca hanno parlato, seppur con toni diversi, di vittoria. Una sfida che aldilà delle dichiarazioni e della retorica, resta molto aperta e incerta. L'unica certezza riguarda i sondaggi che ancora una volta hanno sbagliato. Se non l'esito, quantomeno le differenze fra i due candidati. Ne abbiamo parlato con Francesco Semprini, corrispondente da New York per il quotidiano italiano "La Stampa"

Ginevra chiude i battenti. Poggia: "Se non facciamo uno sforzo tutti insieme, questa misura sarà inefficace"

Ginevra primo cantone di nuovo in confinamento, seppur parziale. Da questa sera chiusi bar, ristoranti, attività ricreative e negozi non alimentari. La misura resterà in vigore per almeno un mese. Ne abbiamo parlato con il Consigliere di Stato ginevrino, Mauro Poggia

La Francia verso un nuovo confinamento. Rassegnazione e sfiducia tra i cittadini

Un confinamento nazionale ma più flessibile rispetto a marzo. È lo scenario cui va incontro la Francia e che dovrebbe trovare confermare nelle parole del presidente Emmanuel Macron, nel suo discorso televisivo questa sera alle 20. Il paese sta vivendo una situazione drammatica e gli ospedali sono vicini al limite. Ne abbiamo parlato con Alberto Toscano, giornalista di stanza a Parigi

Nuove misure in Svizzera: quali le ipotesi sul tavolo del Consiglio federale?

Al via in questi due giorni nuove misure in Ticino.Ma ora c'è grande attesa per la seduta del Consiglio federale di domani, quando dovrebbero essere annunciati nuovi provvedimenti a livello nazionale. Non mancano le ipotesi. Ne abbiamo parlato con il corrispondente da Berna per il gruppo Tamedia Romandia, Florent Quiquerez

Casa anziani di Sementina: tre indagati per omicidio colposo. Quali i risvolti per le altre strutture e la riapertura alle visite?

Tre dipendenti della Casa anziani Circolo del Ticino di Sementina sono indagati per omicidio colposo e contravvenzione alla Legge federale sulle epidemie. Il Ministero Pubblico vuol far luce sulla morte di diversi ospiti della struttura durante la crisi sanitaria legata al covid19. A questo proposito sentiamo Franco Tanzi, medico geriatra e coordinatore del gruppo di lavoro nelle case anziani istituito dal Cantone...

Impianti di risalita: il settore attende con fiducia la stagione invernale. Non mancano però le sfide

Nonostante l'aumento di casi di coronavirus, le località sciistiche svizzere mostrano ottimismo. Sulle piste sono infatti attesi molti appassionati nei prossimi mesi. Non mancheranno comunque regole più severe rispetto alle scorse stagioni. Ottimismo condiviso anche da Airolo-Pesciüm, dove però i vertici riflettono su alcuni aspetti organizzativi da risolvere. Ascolta l'intervista al direttore di Valbianca SA, Mauro Pini

23mila ticinesi entrati in contatto con il coronavirus

In Ticino la percentuale più alta di persone entrate in contatto col Covid19. È quanto emerge dai primi risultati del progetto Corona Immunitas Ticino, studio condotto da USI e SUPSI. Sieroprevalenza che nel campione esaminato in Ticino si attesta all'11%. Ne abbiamo parlato con il dottor Emiliano Albanese, direttore dell'Istituto di salute pubblica dell'USI e Co-Responsabile del progetto...

Divorzio tra il Festival di Locarno e la direttrice artistica Lili Hinstin

Divergenze strategiche. È il motivo che ha portato al divorzio professionale tra il Locarno Film Festival e la direttrice artistica Lili Hinstin, dopo solo due edizioni (di cui una molto particolare, causa covid). Il comunicato stampa -arrivato come un fulmine a ciel sereno nel primo pomeriggio- sottolinea come il rapporto di lavoro sia stato sciolto di comune accordo. I vertici della kermesse cinematografica si riuniranno prossimamente per decidere il successore della 43enne francese.


Ne abbiamo parlato con il caporedattore spettacoli del CdT, Antonio Mariotti

La protesta climatica a Berna accende gli animi, anche tra i parlamentari. Nel mirino finisce la libertà di manifestare

Per ora gli attivisti riuniti fuori da Palazzo federale restano al loro posto. Questa mattina hanno spostato alcune tende per lasciare spazio al tradizionale mercato. Ma non seguiranno la richiesta di sgombero, avanzata ieri dal Municipio di Berna.

La vicenda riporta comunque a galla la questione della libertà di manifestare. Una libertà che va assoggettata alla legge e sempre autorizzata oppure se pacifica non può e non deve avere limiti? Lo abbiamo chiesto al politologo Nenad Stojanovic

Votazioni in Italia: sì al taglio dei parlamentari; pareggio nelle regionali. Chi ha vinto?

Netto successo del "Sì" al referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari italiani. I favorevoli sfiorano il 70%. Dalla prossima legislatura, i deputati passeranno da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200.

Le regionali, in attesa della Valle d'Aosta, sono finite invece in pareggio, con entrambi gli schieramenti che parlano di vittoria. Il centrodestra perché ha strappato una regione, il centrosinistra perché temeva una disfatta. Ne abbiamo parlato con Ferruccio De Bortoli, editorialista del CdT e già direttore del Corriere della Sera

Set cinematografici: il rischio quarantena è dietro l'angolo, con pesanti conseguenze per le produzioni svizzere

Negli scorsi giorni sono ripartite le riprese per l'atteso nuovo film su Batman, dopo che a inizio settembre erano state sospese per la positività (mai confermata ufficialmente) del protagonista Robert Pattinson. Una spada di Damocle, l'eventuale quarantena in caso di coronavirus sui set cinematografici, che pende sopra il settore. Ne abbiamo parlato con la produttrice ticineseMichela Pini

Jimi Hendrix: il mito continua a sfidare il futuro

Ricorrono oggi 50 anni dalla morte del più grande chitarrista di sempre. Icona indiscussa del rock che ha fatto e fa sognare ancora generazioni intere, Jimi Hendrix ha cambiato per sempre il mondo della musica...



Ascolta l'audio

Il processo per la strage di Charlie Hebdo riapre una ferita in Francia

Al via oggi in Francia il processo per l'attentato alla redazione di Charlie Hebdo e l'attacco al supermercato kosher nel gennaio 2015 in cui morirono 17 persone. Il dibattimento durerà due mesi e mezzo. 14 le persone alla sbarra, presunti complici dei 3 killer uccisi dalla polizia.

Per l'occasione il giornale satirico ha ripubblicato un'edizione speciale con le vignette su Maometto che scatenarono la strage. Un processo che riapre una ferita in Francia.

Ne abbiamo parlato con il giornalista italiano di stanza a Parigi, Alberto Toscano...

Berset: "Berna non si farà carico delle perdite ospedaliere". Pellanda: "Immaginare di recuperare tutti gli interventi è un'illusione"

Il Consiglio federale non coprirà le perdite degli ospedali dovute alla pandemia e al blocco delle operazioni deciso la scorsa primavera. Lo ha ribadito ieri il Consigliere federale Alain Berset in un incontro con rappresentanti del settore. Secondo il ministro della sanità, gli interventi potranno essere recuperati nel corso dell'anno. Sentiamo il direttore generale dell'Ente Ospedaliero Cantonale, Giorgio Pellanda...

La Francia torna a scuola in piena bufera contagi. Previste severe misure, ma un genitore su tre ha paura per i propri figli

La Francia, investita più di tutti in Europa dalla bufera dei nuovi contagi che fa temere una ripresa dell'emergenza sanitaria, oggi ha comunque riaperto le scuole. In classe sono tornati oltre 12 milioni di allievi e quasi 900mila insegnanti. Al centro dei protocolli, l'obbligo di indossare la mascherina per adulti e ragazzi sopra gli 11 anni. Un giorno che segna il tentativo di un ritorno alla normalità, nonostante le preoccupazioni dei genitori francesi. Ne abbiamo parlato con il giornalista italiano Alberto Toscano, di stanza a Parigi...