TeleTicino

Grazie

Più pubblico per Radio3i e Teleticino

Radio3i


Si è concluso il semestre luglio-dicembre per Radio3i con un’importante conferma, l’ulteriore incrementato del pubblico radiofonico che quotidianamente si sintonizza sull’emittente di Melide. Se nel primo semestre è stato raggiunto il picco di 80 mila ascoltatori quotidiani, l’anno si chiude con il superamento di questo risultato che in base ai dati ufficiali di Mediapulse si attesta ad oltre 82 mila ascoltatori quotidiani.


Pilastri del gradimento restano la tempestiva informazione del traffico nelle fasce orarie particolarmente critiche, l’informazione e senz’altro il carattere coinvolgente e spontaneo dell’intrattenimento che portano la quota di mercato al 12.8%. Se il cambiamento di rilevamento dei dati avvenuto all’inizio dello scorso anno rendono impossibile un confronto diretto con il 2017 l’andamento della crescita è senz’altro costante e il 2018 si conferma testimone di un anno record per Radio3i con una media di 13.5% e circa 82 mila ascoltatori al giorno.


Un importante risultato in casa del Gruppo del Corriere del Ticino che da quasi 8 anni è testimone di questa crescita.


Teleticino


Teleticino conferma la tendenza positiva su due fronti. Verso l’esterno resta l’emittente regionale con la quota di mercato più alta della Svizzera, sia in termini percentuali con 1,34% sulle 24 ore, sia in termini di contatti giornalieri in rapporto alla popolazione con quasi 51 mila contatti quotidiani. Conferma inoltre una crescita in controtendenza rispetto alla natura della televisione che si profila sempre più come on demand. L’offerta generalista di Teleticino sposa invece con successo il gusto di un pubblico che trova nell’informazione il pilastro della programmazione dalle 18.45 con tg e tg Talk. Se confrontati con i dati del 2017 tutta la fascia di produzione quotidiana tra le 18.45 e le 22.30 che comprende informazione e prima serata, vede una progressione del 10% attestandosi al 1.8% con un una media quotidiana che sfiora i 51 mila contatti. Una crescita costante che dal 2016 ad oggi passa da una quota di mercato del 1.25% al 1,8%. Un lavoro quotidiano dunque che incontra e stimola l’affezione di un pubblico sempre più ampio.


Le reazioni


Soddisfatto Matteo Pelli, direttore di entrambe le testate: ”I dati sono molto positivi, se la radio non smette di alimentare il nostro sogno la tv ci permette di guardare al futuro con il sorriso malgrado le migliaia di possibilità on demand che definiscono il nuovo modo di fruire i contenuti tv. Per una piccola realtà regionale come la nostra consolidare e crescere passo dopo passo è una conquista immensa confrontati con le quasi illimitate possibilità dei grandi network. Continueremo a lavorare per coccolare e sorprendere il nostro meraviglioso pubblico”.


Soddisfazione verso i risultati e verso la squadra è stato espresso da Alessandro Colombi, Direttore Generale del Gruppo: ”I risultati di Radio 3i dimostrano ancora una volta quanto il nostro pubblico sia legato alla nostra emittente e quanto la nostra offerta radiofonica riesca a fidelizzare sempre di più gli ascoltatori; 82 mila contatti giornalieri, ancora in crescita, e una quota di mercato del 12.78%, sono testimonianza del buon lavoro svolto, indicano che la rotta tracciata è solida e attorno a questa lavoreremo per portare novità ed essere sempre più vicini al pubblico. Per quanto riguarda la televisione, pur consapevoli che l’arena nella quale ci confrontiamo è molto difficile con player agguerriti e tecnologie sempre più pervasive, riteniamo che i risultati ottenuti siano positivi e incoraggianti; nella fascia oraria di produzione quotidiana dalle 18.45 alle 22.30 abbiamo incrementato a 1.8% la quota di mercato con una


crescita del 10% rispetto allo stesso periodo di rilevazione dello scorso anno. Anche i contatti giornalieri, attestatisi ancora sopra le 50 mila unità sulle 24 ore, confermano che i ticinesi guardano e sono interessati a Teleticino e che la nostra televisione, con inventiva e originalità unite ad un focus locale, rappresenta ancora un importante vettore di comunicazione, informazione e intrattenimento. Un sentito plauso va a tutti i collaboratori e al direttore Matteo Pelli per il grande impegno profuso ogni giorno e per il grande spirito di squadra.