BORIS PIFFARETTI

La scheda
Boris Piffaretti
Nome: Boris Piffaretti
In poche parole...
Nasco a Mendrisio, come radio3i. Un segnale? Vivo una vita più o meno normale. Il tutto inizia con una clamorosa caduta da un tavolo d’ospedale dove avevano pensato di appoggiarmi appena lasciato l’involucro che mi aveva ospitato per nove mesi. Negli anni sviluppo un senso di comunicazione che riesco a trasmettere ai miei compagni di cortile: mi volevano talmente bene che mi sopportavano anche quando li obbligavo a immedesimarsi in concorrenti di un fantomatico quiz senza premi ovviamente condotto dal sottoscritto. A nove anni la mia voce entra nell’ etere grazie a un regalo di mio padre: un apparecchio CB Si gioca, si parla e si infrange la legge sulla radio comunicazione e proprio per giocare fino in fondo nasce Radio Studio Spillo, forse il primo vero esperimento di ‘radio di quartiere’ La fotografia mi aiuta a cogliere l’attimo nella vita di tutti i giorni, ma poi l’amore per la tecnologia prende il sopravvento e mi getto in un’avventura chiamata radio3i … e il resto è ‘quasi storia’ La cucina ? Un capitolo a parte ! Instagram: @boris1504 facebook: Boris Piffaretti Twitter: @boris1504 #BorisPiffaretti #PaneTostato #LittleItaly
I miei ultimi post
Grazie

80.000 volte grazie !

La quota di mercato di Radio3i ha raggiunto il 13,9%, con contatti giornalieri che sfiorano le 80.000 unità. «Uno dei dati più belli in assoluto – sottolinea il direttore Matteo Pelli –, non solo perché rappresenta il secondo in ordine di grandezza nella storia della radio, ma anche perché dimostra il suo consolidamento. Quando fai i fuochi d’artificio, esaurito il bouquet finale, rischi che la festa finisca. Qui invece tale bouquet pare abbia portato la gente a voler continuare a fare festa con noi. I dati dicono che siamo sulla buona strada, che lo zoccolo duro, da 30-40-50 mila persone sia diventato di 80 mila. È un discorso di fiducia». Lo conferma anche Alessandro Colombi, direttore generale del Gruppo Corriere del Ticino: «I grandi risultati sono sostenibili, non estemporanei. Questo ci serve per costruire continuità e permettere anche ai nostri investitori pubblicitari di credere nel nostro strumento di comunicazione radiofonico». Pelli è convinto che a fare la differenza, in questo senso, sia in particolare il gruppo. «È la nostra fortuna. Chi ascolta la nostra radio, ascolta una radio che lo coccola ogni giorno, con una musica e con delle voci che lo accompagnano in maniera pensata, dalla mattina di follia creativa alla notte di Riccardo Pellegrini. Al microfono siamo una famiglia».


CdT

Woody Allen

Torna Woody Allen col suo nuovo film: una commedia romantica interpretata da Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law, Diego Luna e Liev Schreiber dal titolo 'Un giorno di pioggia a New York' (A Rainy Day in New York).

Il film, girato nel 2017, sarà distribuito in alcuni paesi (vedi sotto) al termine di alcune diatribe legali che ne hanno fermato la distribuzione.

La trama vede una giovane coppia che per ragioni di lavoro, deve trascorrere a Manhattan un piovoso fine settimana, ma il loro legame sarà messo alla prova. Lei inizia infatti una relazione con un celebre regista che deve intervistare, mentre lui con una ragazza con cui recita in un film.

Nell'agosto del 2017 Timothée Chalamet, Selena Gomez ed Elle Fanning si sono uniti al cast del nuovo film di Woody Allen, di cui è autore.

Letty Aronson ha prodotto il film, mentre Amazon Studios avrebbe dovuto distribuirlo.

A settembre Jude Law, Diego Luna, Liev Schreiber, Annaleigh Ashford, Rebecca Hall, Cherry Jones, Will Rogers e Kelly Rohrbach si sono uniti al cast del film.

A ottobre anche Suki Waterhouse si è unita al cast e Allen ha confermato il titolo del film.

Le riprese sono iniziate l'11 settembre 2017 a New York e si sono concluse il 23 ottobre.

La produzione del film è coincisa con l'inizio del movimento Me Too, provocando un risveglio nell'interesse pubblico per l'accusa di aggressione sessuale del 1992 contro Allen.

Nell'ottobre 2017 Griffin Newman ha annunciato via Twitter che si è pentito di aver recitato nel film e che non avrebbe più lavorato con Allen in futuro.

Newman ha donato il suo stipendio all'organizzazione RAINN.

Nel gennaio 2018 Timothée Chalamet ha donato il suo stipendio a RAINN, Time's Up e al Lesbian, Gay, Bisexual & Transgender Community Center, Selena Gomez ha fatto una donazione che supera il suo salario (oltre un milione) a Time's Up e anche Rebecca Hall ha donato il suo stipendio a Time's Up.

Quest'ultima ha in seguito spiegato: "Sono intenzionata a dire che la scelta non è stata fatta per giudicare in un modo o nell'altro. Non credo che qualcuno in pubblico dovrebbe essere giudice e giuria per un caso così complesso".


Le date di uscita internazionali saranno


26 luglio 2019 in Polonia (W deszczowy dzień w Nowym Jorku)

2 agosto in Lituania

29 agosto nei Paesi Bassi

18 settembre in Belgio e Francia (Un jour de pluie à New York)

26 settembre in Slovacchia (Daždivý deň v New Yorku)

3 ottobre in Italia

4 ottobre in Spagna (Día de lluvia en Nueva York)

24 ottobre in Portogallo

25 ottobre in Messico (Un día lluvioso en Nueva York)

7 novembre in Argentina

5 dicembre in Repubblica Ceca e Germania


Roberto Casalino

Per i suoi 10 anni di carriera quale autore Roberto ha raccolto e riarrangiato alcuni dei suoi più grandi successi scritti per interpreti della musica Italiana.

Il 13 settembre uscirà infatti 'Il Fabbricante di Ricordi' album che conterrà anche alcune ospitate con artisti per cui Roberto ha scritto canzoni:

Fedez, Giusy Ferreri, Emma Marrone e Alessandra Amoroso.

Il primo singolo già disponibile è "Diamante Lei e Luce Lui", basato sul brano interpretato da Annalisa rivisto in una dolce chiave anni '90.

Fabrizio Moro

Ecco le date del suo nuovo tour 'figlio di nessuno' che approderà aLugano il 18 dicembre




12 ottobre al Pal’Art Hotel di Catania

18 e 19 ottobre al PalaLottomatica di Roma

26 ottobre al Mediolanum Forum di Milano

13 novembre alla Tuscany Hall di Firenze

16 novembre al Teatro Dis_Play di Brescia

18 novembre all’Europauditorium di Bologna

20 novembre al Teatro Colosseo di Torino

26 novembre al Teatro Ponchielli di Cremona

29 novembre al Nuovo Teatro Carisport di Cesena

30 novembre al Teatro La Fenice di Senigallia (Ancona)

2 dicembre al Teatro Massimo di Pescara

4 dicembre al Teatro Augusteo di Napoli

5 dicembre al Teatro Team di Bari

6 dicembre al Teatro Verdi di Brindisi 12 dicembre al Teatro Openjobmetis di Varese

14 dicembre al Teatro Verdi di Montecatini (Pistoia)

18 dicembre al Pala Congressi di Lugano

Fabio Rovazzi

Il 10 luglio esce in radio e in digitale "Senza pensieri" il nuovo singolo (che già si annuncia un tormentone) firmato da Fabio Rovazzi con la collaborazione di Loredana Bertè e J-Ax.

Il Walkman compie 40 anni

Era il 1 luglio del 1979 quando Sony introdusse sul mercato un dispositivo che avrebbe rivoluzionato il modo di ascoltare la musica.

Un piccolo mangianastri portatile da portare con sè con delle cuffie che consentiva di ascoltare musica in qualsiasi parte. Denigrato da Steve Jobs, che lo paragonò ad un mattone, fu in realtà una delle creazioni più di successo prima dell'avvento sul mercato dell'iPod della Apple.

Il Walkman sopravvisse anche all'epoca del Cd sotto forma di un nuovo dispositivo, il Discman, dalle misure un po' più grandi appunto da contenere un compact disc. Entrò sul mercato nel 1984. Il crollo delle vendite iniziò nel 2001 con la musica digitale e l'iPod.


fonte: Ansa.it

J.S. Ondara

J.S. Ondara è keniano di nascita, ma il suo album di debutto Tales of America rappresenta la musica americana al suo meglio. Lo hanno definito così al primo passaggio radiofonico sulla "National Public Radio'' Americana.

J.S. Ondara può ricondurre la sua intera carriera a una brutta scommessa: da adolescente a Nairobi, in Kenya, Ondara una volta ha giurato a un amico che "Knockin 'on Heaven's Door" era stato scritto dalla sua band preferita, i Guns N' Roses, e non da qualcuno di nome Bob Dylan. " Il ragazzo racconta che ''Dopo aver perso quella scommessa, ho scoperto questa persona da capogiro."

Un decennio dopo, Ondara, 26 anni, ha pubblicato Tales of America, una favolosa novella acustica che lo definisce come una nuova voce della folk music Americana.

Il 18 luglio suona al Gurtenfestival di Berna .

Da ascoltare !

Imagine Dragons

BIRDS è il nuovo singolo estratto dall'album ORIGINS di Imagine Dragons.

L'album è salito al 2 ° posto nelle classifiche svizzere nel 2018 ed è stato presente ininterrottamente per un totale di 31 settimane.

Con NATURAL, BAD LIAR, THUNDER, BELIEVER e WHATEVER ITAK, Imagine Dragons hanno vinto diversi dischi di platino nel nostro paese.

Le nostre emittenti e gli ascoltatori della radio amano la band e quindi i singoli sono sempre in cima alle classifiche di airplay.


Freddie Mercury

Da poche ore è online su YouTube una versione inedita di Time, brano cantato da Freddie Mercury nel 1986.Scritto insieme a John Christie, il pezzo vede il cantante dei Queen in versione più romantica del consueto, con tanto di video girato al Dominion Theatre.


Da brivido

Orchestra sinfonica del Conservatorio della Svizzera italiana

Con l’arrivo del mese di luglio, ritorna l’Orchestra sinfonica del Conservatorio della Svizzera italiana,quest’anno con un duplice appuntamento:


- venerdì 5 luglio alle 19.00 nella Cattedrale di San Lorenzo di Lugano

- sabato 6 luglio alle 21.00 nella Chiesa del Collegio Papio ad Ascona


Violino solista e direttore d’eccezione Massimo Quarta, docente alla Scuola universitaria di Musica delConservatorio e musicista di fama internazionale. Primo italiano a vincere il 1° premio al prestigiosoConcorso internazionale di violino “N. Paganini” di Genova, dopo la vittoria di Salvatore Accardo nel 1958,Massimo Quarta vanta la partecipazione in qualità di ospite ai più importanti festival musicali del mondo,così come l’esibizione nella più prestigiose sale concertistiche accompagnato da orchestre quali la RadioSinfonie Orchester Frankfurt, l'Orchestra Sinfonica dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la TokyoPhilarmonic Orchestra, la Prague Symphony Orchestra, la Real Orquesta Sinfonica de Sevilla, la BudapestSymphony Orchestra, sotto la direzione di Maestri del calibro di Miun Wun Chung, Daniele Gatti, DanielHarding, Isaac Karabtchevsky, Daniel Oren, Christian Thielemann.

Con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio della Svizzera italiana eseguirà il Concerto in Re Maggiore op. 61per violino e orchestra di Ludwig van Beethoven e la Sinfonia n°1 in Do minore op. 68 di Johannes Brahms;entrambe opere di grande spessore e difficoltà tecnica, ma di un’inestimabile piacevolezza, anche per leorecchie meno allenate.

L’ingresso ad entrambi i concerti è libero.

Per informazioni scrivere a eventi@conservatorio.ch oppure contattare l’Ufficio Manifestazioni del

Conservatorio della Svizzera italiana al numero +41 (0)91 960 23 62.

Cinzia Gargano

E' online su Youtube il videoclip di “Tragifavola”, nuovo singolo di Cinzia Gargano e disponibile in digital download: un brano pop, un titolo ironico, una scrittura e una trama divertenti che rispecchiano il carattere della cantautrice siciliana e che anticipa l’album “Seria – Mente”, in uscita il prossimo autunno.

Cinzia Gargano racconta così come è sono nate note, testo e titolo di “Tragifavola”: “il brano nasce nel 2015 e si ispira ad un pensiero secondo il quale tutte noi, fin da bambine, siamo cresciute a ‘pane e principi azzurri’, con la convinzione che da grandi avremmo trovato senza grandi sforzi il nostro ‘lieto fine’, la nostra ‘favola’ ed il nostro ‘principe azzurro’ confezionato su misura per noi! Convinte di questo, affrontiamo ogni incontro con grandi aspettative finendo per ritrovarci in situazioni tragicomiche che sono tutto tranne che una favola anzi… sono una vera ‘TragiFavola’ fatta di colpi di scena, principi tutt’altro che credibili e finali imbarazzanti! Il ritornello in particolare storpia ogni convinzione legata al prototipo dell’uomo perfetto che, nella fiaba, appare su un cavallo bianco e con un mantello azzurro ed invece. Beh, meglio non spoilerare troppo! Anche in questo brano l’ironia che contraddistingue la mia scrittura regna sovrana ma il finale rivela una sorpresa, una sorta di morale (come ogni favola che si rispetti) che racchiude in sé la mia personale visione, maturata dalle mie esperienze e dalla proiezione di quelle altrui perché, in tutta sincerità, a chi piacerebbe davvero il perfetto principe azzurro?!”


Il brano è prodotto artisticamente da Edoardo Musumeci (chitarre e ukulele), arrangiato da Francesco Prestigiacomo (sinth ed elettronica) presso MCN STUDIO, editing e mix a cura di Pierpaolo Latina presso Lexy Records e masterizzato da Riccardo Samperi presso TRP Music. Ha partecipato anche Filippo Alessi alle percussioni.


Cinzia Gargano, nata a Palermo, comincia il suo percorso artistico già all’età di quattro anni, in veste di ballerina. Dal 2001 prende forma il suo percorso professionale in diverse compagnie teatrali e dal 2009 intraprende un corso accademico biennale di musical dove, oltre a continuare lo studio della danza, si approccia allo studio di altre discipline quali il canto e la recitazione. Dal 2011 porta in scena diversi musical in qualità di performer e nel 2013 esordisce ufficialmente come cantante entrando a far parte di un trìo vocale, conosciuto con il nome “Le Morgane”, con il quale si esibisce a Palermo e in tutta la Sicilia oltre che in diverse emittenti televisive e radiofoniche regionali e nazionali. Dal 2015 entra a far parte della band “Teresa” e dal 2017 esordisce in veste di cantautrice con la pubblicazione del suo primo singolo dal titolo “AAA CERCASI” che porta in scena durante i suoi live da solista ed in diverse emittenti radiofoniche e televisive. Partecipa alla semifinale del format “Fiat Music” di Red Ronnie esibendosi al Teatro Massimo di Siracusa ed in diretta streaming su RoxyBar Tv. Nel 2018 comincia la collaborazione con “Radio In” in veste di volto televisivo all’interno della trasmissione di “Radio Insieme”, in onda su diverse emittenti regionali. Nello stesso anno ha inizio la preziosa collaborazione con Edoardo Musumeci, chitarrista dei Tinturìa, che da quel momento avrà il ruolo di produttore artistico del suo progetto cantautorale. Attualmente continua il suo percorso di cantante e di performer dividendosi tra live musicali e spettacoli teatrali, in attesa dell’uscita del suo primo disco dal titolo “Seria – Mente”, anticipato dal singolo e dal videoclip di “Ti amo il meno possibile”

Rita Manelli

'Senza versare una lacrima'' è il nuovo singolo di Rita Manelli con il quale ha partecipato alla finale di Area Sanremo 2018, è stato scritto dalla stessa cantautrice pugliese in collaborazione, nella composizione della musica, con Luca Sala:“il brano parla di ciò che la musica è diventata nella mia vita- racconta Rita - di come mi faccia sentire felice e serena, nonostante le mille difficoltà. ‘Volerei, libera, fin dove nasce una nuvola…’ e ‘E adesso che, sei accanto a me, non posso che, sorridere…’ sono le frasi chiave della canzone che testimoniano un amore smisurato per questa passione, un amore che va oltre”.


Rita Manelli è nata a Brindisi il 29 Marzo 1997e ha vissuto la sua infanzia e la sua adolescenza in un piccolo paese della stessa provincia, San Vito dei Normanni. Ha sempre avuto fin da piccola l'amore per l'arte ed in particolare per il canto. Nel 2010 è stata selezionata a fare parte del Conservatorio ''Tito Schipa''di Lecce nella classe di canto jazz; segue gli studi in Conservatorio con molta determinazione e passione affrontando, con impegno e dedizione tutti gli esami richiesti. Nel 2016 ha concluso i cinque anni pre-accademici del Conservatorio e nello stesso anno ha terminato gli studi scolastici diplomandosi al Liceo Scientifico ''Leonardo Leo'' di San Vito dei Normanni. Ora, vive a Milano e frequenta il Conservatorio ''Giuseppe Verdi'', dove conseguirà la laurea in Canto Pop. Ha iniziato ad avere contatti con artisti di vario genere e a farsi conoscere partecipando a vari Stage di formazione. Nel 2015 circa ha intrapreso il suo percorso discografico: ha registrato a Milano negli studi Up Music il suo primo singolo prodotto da Rosso al Tramonto con gli arrangiamenti di Kikko Palmosi e Sabatino Salvati. Da qui una serie di progetti: il suo primo singolo “Non avere paura”, dedicato al fratello scomparso da qualche anno a causa di un incidente stradale, e altri tre singolo “Ti voglio”, “Non passi mai” ed “Un'altra storia”, scritto da Luca Sala, con il quale ha vinto il Festival della Musica Italiana di New York il 10 Settembre 2017. Ha partecipato alla realizzazione di un disco natalizio nella compilation di Bobby Soloinsieme ad altri artisti con una cover riarrangiata del brano “White Christmas”. Nel 2017 è finalista di Area Sanremo. Il 4 gennaio 2018, selezionata dal Maestro Stelvio Cipriani, ha riproposto “La preghiera per la pace”di Papa Wojtyla (musicata dal Maestro Cipriani), accompagnata da 70 elementi dell'orchestra Alfaterna in un’esibizione di musica sacra presso la Basilica di Sant'Alfonso a Pagani. Il 7 ottobre 2018 è ritornata sul palco del Master Theater con Bobby Solo duettando con il brano “Conta su me”, scritto da Luca Sala, che racconta delle difficoltà e dei problemi della società di oggi. Nel mese di dicembre, in occasione di una serata di beneficenza, ha duettato con Marco Masini con il brano “Ci vorrebbe il mare”.

Jess Glynne

La cantante che si è recentemente esibita nei più grandi stadi del Regno Unito con le Spice Girls, ha pubblicato il video per il suo ultimo singolo di grande successo, One Touch, con Jax Jones.



Il video racconta una commovente storia sulla famiglia, questa la dichiarazione di The Fostering Network recita come segue:

"Siamo lieti che Jess abbia deciso di focalizzare l'attenzione su una questione così importante come l'assistenza all'infanzia. Con 65.000 bambini che vivono in affido nel solo Regno Unito, la società nel suo complesso ha bisogno di capire la differenza nella cura dei bambini per la propria vita, e questa è una grande piattaforma per portare il concetto di assistenza all'infanzia ad un nuovo pubblico. Mentre per alcuni bambini, l'opzione a lungo termine è quella di vivere in una casa per bambini, sappiamo che per la maggior parte dei bambini adottivi, è meglio vivere con una famiglia affidataria. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di 8.600 famiglie adottive nel Regno Unito solo quest'anno, ed è fantastico che questo video mostri che anche i giovani, i single possono subentrare nell'assistenza all'infanzia

Carbonaie e carbonai in Valle di Muggio

Sabato 29 giugno, ore 9:00 - 16:00 ca

Escursione con Patrik Krebs (WSL) e Mark Bertogliati (curatore del MEVM)



Nei boschi e nei pascoli della Valle di Muggio la presenza di antiche piazze di carbonai è assai diffusa. Spesso occorre un po’ di esperienza per individuare questi manufatti abbandonati e fagocitati dalla vegetazione.Le ultime grandi imprese di carbonizzazione furono attuate nel primo Novecento, ma l’antica arte delle carbonaie nell’area a cavallo tra le valli del Mendrisiotto e del Comasco ha radici antiche. Quali tecniche venivano impiegate in passato per la costruzione delle carbonaie? Quali caratteristiche permettono di individuare le piazze dei carbonai nel territorio? Come venivano gestiti i boschi nel passato e in quale misura l’uomo ne ha influenzato l’evoluzione?

Per dare una risposta a queste e ad altre domande il Museo etnografico della Valle di Muggio propone un’escursione alla scoperta di un capitolo fondamentale della storia della valle di cui restano segni tangibili nel territorio e interessanti testimonianze nei documenti d’archivio.L’escursione sarà guidata da Patrik Krebs, geografo e ricercatore presso l’Istituto federale di ricerca sulla Foresta, la Neve e il Paesaggio (WSL) e da Mark Bertogliati, curatore del MEVM e ingegnere forestale, autori di una ricerca sulla diffusione delle piazze dei carbonai e sulla storia della protoindustria del carbone in Valle di Muggio.


Informazioni

Ritrovo presso il parcheggio pubblico all'entrata di Caneggio alle ore 9:00. Un eventuale ulteriore spostamento verrà organizzato sul posto.

Il percorso attraverserà la Valle della Crotta. Il rientro è previsto attorno alle ore 16:00.

Prevedere un pranzo al sacco e bevande a sufficienza.

Tempo effettivo di cammino ca. 4h - 4h30' ore, con un discreto dislivello. Raccomandati pertanto scarponi, protezione sole/pioggia, ev. bastoni.

In caso di maltempo l’escursione viene annullata e gli iscritti saranno avvertiti telefonicamente.

Non è prevista una quota d’iscrizione, ma è gradita un’offerta libera a favore del Museo.

Iscrizioni presso il Museo (091 690 20 38, info@mevm.ch) entro mercoledì 26 giugno alle ore 17:00.


Cinema Teatro Chiasso

Stagione Teatrale 2019 – 2020 Cinema Teatro Chiasso

Il confine è un tema che ci riguarda tutti. Proporlo come fil rouge della stagione del Cinema Teatro significa ribadire una delle caratteristiche più importanti e identitarie della cittadina di Chiasso, ovvero quella di essere un luogo di confine, appunto, la via che permette l’incrocio fra culture e modi di approcciarsi alle cose diversi, ma non per questo destinati all’ incomunicabilità. Chiasso separa la Svizzera dall’Italia, ma è anche la porta che permette un incontro fra cultura nordica e cultura mediterranea. Lo scopo del lavoro svolto dal Cinema Teatro di Chiasso, se vogliamo, è proprio questo: fare in modo che questo incrociarsi di culture, di persone provenienti da mondi distanti, a volte distantissimi, diventi incontro, dialogo, confronto, attraverso le parole forti e ostinate del teatro e delle altre arti. Perché chiusi nel nostro mondo, fra le nostre piccole certezze, diventiamo piccoli, e le nostre identità non si rafforzano: si annullano.

La stagione del Cinema Teatro si apre quindi sotto il segno di Goldoni, della commedia degli equivoci che, appunto, tende a mescolare i confini fra le cose, rendendoli incerti e labili. I due gemelli di Natalino Balasso, liberamente tratto dai Due gemelli veneziani di Goldoni, parla di due gemelli identici nell’aspetto, ma diversissimi nell’approccio alle cose. Balasso attualizza la commedia riportandola agli anni Settanta e riuscendo a dare una coerenza più plastica ai due personaggi. Uno spettacolo da non perdere, così come da non perdere è La Menzogna, commedia che vede protagonista Serena Autieri, a fianco di Paolo Calabresi: qui i confini che si confondono sono quelli fra verità e menzogna, quando durante una cena si capisce che il sistema di valori condiviso è fittizio e vengono a galla le maschere che ciascuno indossa. Sullo stesso confine fra menzogna e verità, bontà e cattiveria gioca uno fra i testi più belli di Brecht, L’anima buona di Sezuan: a Chiasso lo spettacolo vedrà in scena la grandissima Monica Guerritore, che ne ha firmato una regia coraggiosa, ispirata a quella che Strehler fece a Milano negli anni Ottanta, insistendo sul ruolo civile e quindi politico del suo mestiere di attrice. Intrigante la storia raccontata in Separazione di Marina Thovez (in scena con Mario Zucca), che vede un’attrice newyorkese e un commediografo londinese separati, appunto, dall’oceano. Un confine che si immagina insuperabile ma che può cadere in un attimo, quando i canali dell’amicizia e della comunicazione reale riescono a superare le barriere che ci dividono, non importa quanto vicini o lontani siamo. Uno spettacolo che esce dal teatro, che supera il teatro per diventare incontro, scritto e pensato per i giovani: così viene definito I promessi sposi alla prova di Testori, messo in scena da Andrée Ruth Shammah (che torna al testo dopo anni, dopo averlo messo in scena con il grandissimo Franco Parenti) e che vedrà recitare, fra gli altri, Luca Lazzareschi e Laura Marinoni. Un modo per tornare alle profonde verità rivelate dai classici. Nella stagione di prosa, comunque, i confini non sono mai rigidi: e quindi via libera anche alle risate, grazie alla presenza di Enzo Iacchetti, Ale e Franz, Massimo Lopez e Tullio Solenghi.

Stagione musicale e danza

Si apre sotto il segno del jazz – e di Chicago - la stagione musicale del Cinema Teatro: Chico Freeman è uno degli esponenti della cosiddetta Loft Generation, una schiera di musicisti e compositori che, terminata la temperie del free jazz, stavano dando una nuova direzione alla musica afroamericana non scevra da agganci con le radici più profonde della black music. A Chiasso presenterà il progetto “Chico Freeman & The Voices of Chicago”, che intende ridare voce a un autentico sound di Chicago andando a scavare nella sua anima non solo jazz, ma anche gospel. Un mix da non perdere, per fondersi in atmosfere lontane da noi e di grande impatto. Sempre dagli States arrivano The Manhattan Transfer, uno fra i gruppi vocali di jazz più conosciuti in Europa. Un quartetto esplosivo e senza tempo che ha fatto la storia, nato nel 1969 grazie al produttore e cantante Tim Hauser e il cui talento musicale non si è mai appannato. Per mescolare i confini e le provenienze, la stagione si sposta sull’Africa, dando il benvenuto a Fatoumata Diawara. Autrice, musicista e anche attrice, Fatoumata nei suoi testi affronta temi sociali e politici senza giri di parole, denunciando la cruda e difficile realtà dei matrimoni combinati e delle mutilazioni genitali, che rendono la vita della donna difficile, se non impossibile. Una guerriera, che saprà colpire anche il pubblico chiassese. Uno spettacolo che è una via di mezzo fra drammaturgia e musica è Tempo di Chet, che con Paolo Fresu alla tromba, Dino Rubino al piano, Marco Bardoscia al contrabbasso e un gruppo di notevoli attori ripercorrerà la vita maledetta del più leggendario fra i jazzisti. La regia di Leo Muscato modulerà l'incessante oscillare tra passato e presente, che farà affiorare fatti ed episodi disseminati lungo l'arco dell'esistenza di Chet Baker, da quando bambino suo padre gli regalò la prima tromba, fino al momento prima di volare giù dalla finestra di un albergo di Amsterdam. Spazio anche alla musica classica, in occasione del 250. anniversario dalla nascita di Beethoven: la coppia formata da Bruno Canino e Antonio Ballista, che rappresenta uno dei sodalizi più fecondi e duraturi della storia musicale italiana del secondo Novecento e che ha abbondantemente superato il cinquantennio di attività, presenterà la Sinfonia n.9 in re minore op. 125.

A Chiasso non si è mai trascurata la danza e questa stagione non fa eccezione: esilarante, graffiante, divertentissimo e irriverente lo spettacolo proposto dalla compagnia tutta al maschile Chicos Mambo, che sta portando in Italia lo spettacolo Tutu, creato da Philippe Lafeuille per celebrare i 20 anni della compgnia. Il riferimento è proprio al classico tutù che vediamo indossare alle ballerine, ma ovviamente è un simbolo con cui si gioca. Con questo spettacolo i Chicos Mambo hanno già conquistato 250 mila spettatori e fatto oltre 200 repliche. Da non perdere, poi, se si apprezza la maestria tecnica, la Rioult Dance New York, una compagnia che aderisce ad una tradizione classica della “modern dance”. Le sue esplorazioni audaci e la sua attenzione all’espressività la rendono famosa e apprezzata in tutto il mondo. Da New York a Barcellona, con la compagnia It dansa Barcelona, che porterà a Chiasso ritmi sfrenati, allegria e humor, chiudendo la stagione di danza con grande brio.



• IL CARTELLONE

I DUE GEMELLI 25 ottobre 2019 TEATRO di Natalino Balasso liberamente tratto da I due gemelli veneziani di Carlo Goldoni regia di Jurij Ferrini SPETTACOLO INAUGURALE

Francesco Tesei in HUMAN 14 novembre 2019 TEATRO di Francesco Tesei e Daniele Monti regia di Francesco Tesei in collaborazione con Corner Bank

CHICO FREEMAN & THE VOICES OF CHICAGO 16 novembre 2019 MUSICA Realizzato in collaborazione con RSI Rete Due FUORI ABBONAMENTO

Serena Autieri e Paolo Calabresi in LA MENZOGNA 29 novembre 2019 TEATRO di F. Zeller regia di Piero Maccavinelli

Monica Guerritore in L’ANIMA BUONA DI SEZUAN 7 dicembre 2019 TEATRO di Bertold Brecht regia di Monica Guerritore

Enzo Iacchetti in INTERVISTA CONFIDENZIALE 14 dicembre 2019 TEATRO di e con Enzo Iacchetti con la partecipazione di Giorgio Centamore

THE MANHATTAN TRANSFER 20 dicembre 2019 MUSICA con Janis Siegel, Alan Paul, Cheryl Bentyne, Tim Hauser

Ale & Franz in NATI SOTTO CONTRARIA STELLA 16/17 gennaio 2020 TEATRO da William Shakespearecon Ale& Franz, Eugenio Allegri, Marco Zannoni, Teodosio Barresi-drammaturgia e regia di Leo Muscato

TEMPO DI CHET 25 gennaio 2020 MUSICA/TEATRO la versione di Chet Baker di Leo Muscato e Laura Perini regia di Leo Muscato con Paolo Fresu, Dino Rubino, Marco Bardoscia

Marina Thovez e Mario Zucca in SEPARAZIONE 1. febbraio 2020 TEATRO di Tom Kempinski regia di Marina Thovez

Giuseppe Giacobazzi in NOI Mille volti e una bugia 6 febbraio 2020 TEATRO di e con Andrea Sasdelli regia Carlo Negri

Laura Marinoni e Filippo Lazzareschi in I PROMESSI SPOSI ALLA PROVA 8 febbraio 2020 TEATRO di Giovanni Testori regia Andrée Ruth Shammah

PROGETTO BEETHOVEN 2020 15 febbraio 2020 MUSICA in occasione del 250° anniversario dalla nascita L. van Beethoven – F. Liszt: SINFONIA N. 9 IN RE MINORE OP. 125 duo pianistico Bruno Canino e Antonio Ballista

CHICOS MAMBO – TUTU 19 febbraio 2020 DANZA Coreografie e regia di Philippe Lafeuille

23° FESTIVAL DI CULTURA E MUSICA JAZZ 12/13/14 marzo 2020 MUSICA

Massimo Lopez e Tullio Solenghi in MASSIMO LOPEZ & TULLIO SOLENGHI SHOW 27 marzo 2020 TEATRO scritto da Massimo Lopez e Tullio Solenghi con la JAZZ COMPANY diretta da Gabriele Comeglio

SERATA BACH RIOULT DANCE NEW YORK 31 marzo 2020 DANZA direzione artistica/coreografica di Pascal Rioult musiche di J.S. Bach

Federico Buffa in L’ODISSEA DI KUBRICK 5 aprile 2020 MUSICA/TEATRO di e con Federico Buffa con Nidi Ensemble

THE NAGHASH ENSEMBLE 26 aprile 2020 MUSICA FUORI ABBONAMENTO

IT DANSA BARCELLONA 2 maggio 2020 DANZA «Whim» di Alexander Ekman «In Memoriam» opera di Sidi Larbi Cherkaoui, “Wad Ras» di coreografi Ramón Baeza e Montse Sánchez

FESTATE – XXX Edizione Festival di Culture e Musiche del Mondo 19/20 giugno 2020 MUSICA